ENOLOGIA PULITA E SANA …. GARANTITA CON IL VAPORE DI Aficleaning

 Il Vapore di Aficleaning: alcune nozioni di base

In molte occasioni e in molti ambienti dove esiste una qualsiasi esigenza di lavaggio è invalsa la consuetudine, che ormai possiamo considerare  quasi un’abitudine, di utilizzare l’acqua calda per lavare a fondo e l’acqua molto calda per sanificare. Nelle righe successive avremo modo di analizzare più dettagliatamente la qualità dei lavaggi e delle sanificazioni che si possono ottenere con questi metodi mentre adesso vogliamo invece evidenziare due dei loro effetti collaterali che sicuramente procurano :

  • un consumo di acqua che spesso può anche assumere dimensioni notevoli e…
  • un consumo di denaro … conseguente e direttamente proporzionale al consumo di acqua.

Le soluzioni che Aficleaning propone per evitare, o quanto meno limitare,  queste due “scomode conseguenze”fanno riferimento all’utilizzo del Vapore, una alternativa ecologica che riesce a migliorare sensibilmente non solo l’impatto ambientale delle varie operazioni ma anche il loro costo, infatti :

  • elimina quasi completamente l’utilizzo dei prodotti chimici.
  • abbatte drasticamente i consumi di acqua.
  • abbatte altrettanto drasticamente i tempi morti relativi all’asciugatura delle superfici trattate (grazie alla ridottissima quantità di acqua impiegata e alla sua notevole temperatura).
  • elimina velocemente i tipi di sporco più consueti ma contemporaneamente vengono dissolti anche gli sporchi grassi (senza ricorrere ai prodotti chimici) e le eventuali cariche batteriche in modo molto più efficace rispetto ai metodi tradizionali citati in precedenza.

 Il Vapore di Aficleaning : le due tipologie principali

Il Vapore è disponibile in due forme principali :

  • Vapore Secco

Il vapore si può definire “Secco”, anche per convenzione, quando al suo interno permangono particelle di acqua in una percentuale inferiore al 5 %  del suo volume.

Proprio grazie a questa (quasi) totale assenza di acqua il Vapore Secco è l’ideale per sanificare le superfici o per pulire i pannelli comandi.

  • Vapore Umido

Il vapore si definisce invece “Umido” quando la percentuale di particelle di acqua presenti nel suo interno supera il 5 % del suo volume e, grazie a questa sua peculiarità, riesce ad abbinare all’azione sanificante anche quella pulente.

In sintesi possiamo affermare che il Vapore, in entrambe le sue forme e qualunque siano le percentuali “umide” della sua composizione, ci offre sempre, nelle pur diverse situazioni,  una grande forza ecologica caratterizzata sia dalle particelle di acqua presenti al suo interno e sia dall’azione della sua alta temperatura.

L’Alta Temperatura ha anche la possibilità di creare, sulle superfici trattate, quel fenomeno conosciuto come “Shock Termico” che, se originato e gestito adeguatamente, può effettivamente fare “piazza pulita” di batteri, funghi e vari altri tipi di contaminanti e di sporco.

Il Vapore di Aficleaning : uno  specialista  in  cantina

  • LE APPLICAZIONI:

In una cantina, iniziando dalla pulizia e dalla sanificazione di tutti gli angoli, più o meno grandi, dove proliferano i batteri e le muffe, le esigenze completamente risolvibili con l’utilizzo dei Generatori di Vapore sono veramente tante come ad esempio :

Pulire e idratare le barriques – Pulire e sanificare  Serbatoi in acciaio inox  – Pulire e sanificare le linee di imbottigliamento – Pulire e sanificare pareti , pavimenti e attrezzature – Rimuovere  i tartrati –  Ecc. ecc.

  • Pulire e  Idratare  le  Barriques:

Botti e Barriques rappresentano un investimento rilevante per le cantine ed è quindi necessario riservare a queste attrezzature tutta le attenzioni e le cure possibili perché …

una statistica delle varie esperienze ci rivela che la vita media di una barrique è di circa tre anni e che un adeguato trattamento di pulizia e di sanificazione con il vapore è in grado di protrarne gli effetti e l’efficienza per ulteriori uno o due anni.

Il vapore che penetra nelle porosità del legno è in grado di eliminare non solo i batteri e i lieviti che vi sono annidati ma anche ogni residuo di vino vecchio assorbito dal legno stesso che, dopo essere stato liberato da questi elementi, torna a “respirare” scambiando con il vino sapori e  odori e riacquistando in pratica le sue originarie caratteristiche così importanti per la qualità del prodotto finale.

La corretta procedura per ottenere questi risultati con le barriques è alquanto semplice e si esaurisce attraverso 6 fasi principali :

  • effettuare un lavaggio standard ad alta pressione per eliminare tutti i detriti e i residui già asportabili con questo metodo.
  • posizionare sulla barrique l’apposito ed esclusivo accessorio VPB (Vapo Press Barrel) (foto N° 1).
  • collegare il generatore di vapore ed erogare vapore fino al raggiungimento di una temperatura di circa 85/95 °C  e a una pressione interna alla barrique di circa 0,6 bar (NB – lasciare aperta l’apposita valvola del VPB-vapo press barrel).
  • una volta raggiunti i valori di temperatura e di pressione indicati rimettere il tappo sulla barrique e lasciare riposare il tutto per ameno 5 minuti durante i quali …
  • il naturale raffreddamento del vapore crea, all’interno della barrique chiusa, una depressione che “risucchia” il vapore stesso dentro alle porosità ormai aperte del legno sanificandole e pulendole in profondità, rimuovendo anche i residui di vino più vecchi ed essiccati (la foto N° 2 mostra il residuo di vino uscito, dopo il trattamento con il vapore, da una barrique che precedentemente era considerata pulita).
  • tutta la procedura viene completata da un risciacquo finale con acqua ad alta pressione.

Le barriques  usate, che non sono mai state trattate con il vapore,  necessitano di essere sottoposte alla procedura appena descritta per almeno 3 volte consecutive.

Invece per “iniziare” le barriques nuove è sufficiente una procedura  molto più semplice e veloce  come descritto qui di seguito :

  • inserire sulla barrique il VPB (Vapo Press Barrel) già collegato al Generatore di Vapore.
  • erogare vapore per 3-4 minuti.
  • risciacquare la barrique con acqua(magari ad alta pressione) e …. aspettare che si raffreddi prima di utilizzarla.

 

Foto N° 1 – VPB (Vapo Press Barrel)

vapore

Foto N° 2

 vapore 2

 

  • Pulire e  Sanificare  Serbatoi  in  Acciaio  Inox

Le grandi dimensioni di questi  giganti metallici impongono, per la loro pulizia/sanificazione,  procedure e metodi  che, se pur diversi  da quelli descritti per le barriques,  sono perfettamente in grado di ottenere comunque tutti i risultati e i vantaggi offerti dall’utilizzo  del vapore  e che torniamo a sintetizzare :

  • risparmio di tempo.
  • risparmio di acqua.
  • abbattimento della quantità dei prodotti chimici impiegati.
  • abbattimento della carica batterica e dei funghi (Brettanomiceti, Saccaromiceti, Lieviti e Muffe varie).
  • ecc.

Ovviamente, sempre in considerazione delle grandi dimensioni dei serbatoi, sono necessari Generatori  di  Vapore con caratteristiche e prestazioni tali da rispettare i parametri  indicati nella seguente tabella.

Potenza  Assorbita  dalGeneratore  di  Vapore

(KW.)

Capacità  delSerbatoio  da  trattare

(litri)

Tempo  di                                                     Erogazione  Vapore(minuti)
10,00 5.000,00 20,00
10.000,00 40,00
20,00 5.000,00 15,00
10.000,00 30,00
20.000,00 45,00
30,00 5.000,00 12,00
10.000,00 25,00
20.000,00 40,00

 

vapore 3  vapore 4

  • Pulizia e sanificazione linee di imbottigliamento:

 Il confezionamento rappresenta un’altra fase del processo di produzione del vino da tenere nella massima considerazione e costantemente sotto controllo.

Le linee di imbottigliamento, in particolare,  sono ambienti ideali per la crescita e lo sviluppo di tutti quei batteri e microorganismi che possono alterare le caratteristiche  organolettiche del vino e, inoltre, presentano  tantissimi angoli e interstizi costruttivi molto difficili da raggiungere e da trattare con i metodi standard di pulizia.

Ancora una volta però i Generatori di Vapore, selezionati e proposti da Aficleaning,  si dimostrano gli alleati giusti  per vincere anche questa battaglia,  infatti …

Con la temperatura  e, se necessario, anche con lo shock termico, permettono una pulizia davvero accurata e una sanificazione completa  abbattendo radicalmente l’utilizzo dei prodotti chimici e i tempi di fermo linea…. con vantaggi tecnici ed economici notevoli e facilmente quantificabili.

Le procedure di pulizia e di sanificazione  degli impianti di imbottigliamento possono essere sia di  tipo manuale che di tipo automatico, in base alla predisposizione esistente sugli impianti stessi, ma è importante evidenziare come i Generatori di vapore proposti da Aficleaning possano lavorare, in entrambi i casi, con immutata efficacia ed estrema semplicità.

  • Pulizia e sanificazione attrezzature e ambiente

I nostri generatori di vapore, oltre alle applicazioni più specifiche già descritte, possono essere  impiegati, con immutata efficacia e soddisfazione,  nella pulizia e nella sanificazione anche di una miriade di altre attrezzature piccole e grandi, di tutti i  loro singoli componenti e delle strutture presenti nelle cantine e, più in generale, in tutti gli ambienti enologici :

Condotti di decantazione, raccordi, curve, ugelli, filtri, carrelli, tramogge, pigiatrici, diraspatrici, pompe, motori, mastelli, presse, drenaggi, pareti,  pavimenti, ecc. ecc.  ….

e  chi più  ne  ha più ne  proponga … sempre  con fiducia nelle possibilità di soluzione offerte  da  Aficleaning.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s